Iva e Coop Soc.

Pubblicato il 05-08-2015 da Luca Balducci - ( 1060 letture )

 

Centinaia di migliaia di euro di costi in più, derivanti dall'impossibilità di detrarre l'Iva sugli acquisti e sugli investimenti. È allarme tra le cooperative sociali dopo che il governo italiano ha annunciato l'intenzione di abolire l'Iva al 4% per le prestazioni socio-sanitarie ed educative, trasformandola in un regime di esenzione.

Le imprese maggiormente colpite sono quelle più strutturate, quelle che in questi anni hanno raccolto la sfida delle pubbliche amministrazioni facendo investimenti e impegnandosi nella gestione diretta dei servizi. Per queste cooperative l'impatto negativo del passaggio all'esenzione si aggira intorno al 3% del fatturato. L'intervento del governo nasce dalla decisione dell'Unione Europea di abolire le aliquote Iva inferiori al 5%. Legacoopsociali e Alleanza Cooperativa hanno proposto al governo di alzare la tassa per le cooperative sociali di un punto percentuale, ma il Ministro Padoan si è opposto a questa soluzione.

"La marginalità netta media del settore è pari allo 0,63%: non ci sono le risorse per assorbire tali incrementi di costi in un settore che ha già subito numerosi tagli da parte dei committenti - spiegano i responsabili di settore di Legacoop Romagna, Emiliano Galanti e Federica Protti - La preoccupazione delle associate è altissima. Si mette in discussione la tenuta dei bilanci, soprattutto per le imprese migliori e più strutturate. La conseguenza di tutto questo sarebbe di portare il settore al dissesto perché le aziende non possiedono sufficienti patrimoni per riadeguare, in un certo lasso temporale, le strutture organizzative e produttive". Poi il ragionamento si amplia. "Se passasse questa norma, si modificherebbe di fatto il ruolo che lo Stato ha voluto assegnare alla Cooperazione Sociale in questi ultimi anni, riportandola da soggetto in grado di progettare, costruire e gestire attività complesse a titolarità diretta, a mero esecutore di attività di titolarità altrui. Per chi era fermo al punto di partenza forse non cambierà molto ma per tutti gli altri è allarme rosso".

                                                                                   

 

Fonte ravennanotizie

 

Pubblica in:   

Notizia presente in:

 

ULTIME NEWS NAZIONALI

Questionario d’indagine sull’Identità dell’Educatore Professionale

Identità, consapevolezza e senso di appartenenza. Indagine nazionale sulla figura dell’Educatore Professionale

Educatori professionali: serve una legge ad hoc

Articolo del 1 aprile 2019 su www.vita.it di Francesco Crisafulli e Nicola Titta

Educatori professionali a confronto

Intervista a Radio Città Fujiko Il podcast della puntata: https://www.mixcloud.com/EUCIT/signore-e-signori-il-welfare-è-sparito-puntata-del-28-marzo-2019/

ULTIME NEWS REGIONALI

Bando ATS Città di Milano, scadenza 31 maggio 2019

AVVISO PUBBLICO PER TITOLI E COLLOQUIO PER LA FORMAZIONE DI SPECIFICA GRADUATORIA FINALIZZATA ALL’AFFIDAMENTO DI N.14 INCARICHI DI COLLABORAZIONE PER LA UOC PROMOZIONE SALUTE - UOS PREVENZIONE SPECIFICA – UOS PROMOZIONE SALUTE MILANO, UOS PROMOZIONE SALUT

AUDIZIONE ANEP PRESSO LA QUARTA COMMISSIONE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DELLA REGIONE MARCHE

Audizione sulle delibere regionali relative alle autorizzazioni delle strutture ospedaliere ed extraospedaliere sanitarie e socio sanitarie di cui alla L.R. 21/2016.

Una comunità sempre più ricca...benvenuti nella professione ai nuovi colleghi dalla sezione Toscana!!

Anep Toscana dà il benvenuto nella professione a undici nuovi colleghi che, lo scorso 9 aprile, hanno svolto la prova pratica di abilitazione e discusso la propria tesi a conclusione del percorso di studi all’interno del corso di Laurea in Educazione Prof

Università Milano: benvenuto ai nuovi colleghi

Neolaueati Università Statale Milano