Iva e Coop Soc.

Pubblicato il 05-08-2015 da Luca Balducci - ( 1144 letture )

 

Centinaia di migliaia di euro di costi in più, derivanti dall'impossibilità di detrarre l'Iva sugli acquisti e sugli investimenti. È allarme tra le cooperative sociali dopo che il governo italiano ha annunciato l'intenzione di abolire l'Iva al 4% per le prestazioni socio-sanitarie ed educative, trasformandola in un regime di esenzione.

Le imprese maggiormente colpite sono quelle più strutturate, quelle che in questi anni hanno raccolto la sfida delle pubbliche amministrazioni facendo investimenti e impegnandosi nella gestione diretta dei servizi. Per queste cooperative l'impatto negativo del passaggio all'esenzione si aggira intorno al 3% del fatturato. L'intervento del governo nasce dalla decisione dell'Unione Europea di abolire le aliquote Iva inferiori al 5%. Legacoopsociali e Alleanza Cooperativa hanno proposto al governo di alzare la tassa per le cooperative sociali di un punto percentuale, ma il Ministro Padoan si è opposto a questa soluzione.

"La marginalità netta media del settore è pari allo 0,63%: non ci sono le risorse per assorbire tali incrementi di costi in un settore che ha già subito numerosi tagli da parte dei committenti - spiegano i responsabili di settore di Legacoop Romagna, Emiliano Galanti e Federica Protti - La preoccupazione delle associate è altissima. Si mette in discussione la tenuta dei bilanci, soprattutto per le imprese migliori e più strutturate. La conseguenza di tutto questo sarebbe di portare il settore al dissesto perché le aziende non possiedono sufficienti patrimoni per riadeguare, in un certo lasso temporale, le strutture organizzative e produttive". Poi il ragionamento si amplia. "Se passasse questa norma, si modificherebbe di fatto il ruolo che lo Stato ha voluto assegnare alla Cooperazione Sociale in questi ultimi anni, riportandola da soggetto in grado di progettare, costruire e gestire attività complesse a titolarità diretta, a mero esecutore di attività di titolarità altrui. Per chi era fermo al punto di partenza forse non cambierà molto ma per tutti gli altri è allarme rosso".

                                                                                   

 

Fonte ravennanotizie

 

Pubblica in:   

Notizia presente in:

 

ULTIME NEWS NAZIONALI

AL VIA GLI ELENCHI SPECIALI PER GLI EDUCATORI PROFESSIONALI

firmato il decreto da parte del Ministro Grillo che istituisce gli Elenchi speciali

Istituzione commissioni d'albo e Consigli Direttivi degli Ordini Territoriali.

Pubblicati i 2 decreti da parte del Ministero della Salute per le commissioni di Albo e per i Consigli Direttivi degli Ordini TSRM-PSTRP

Network Investing in Children: a contrasto della povertà minorile.

ANEP è soggetto promotore del nuovo network "Investing in Children" nato per tutelare l’inclusione dell’infanzia e contrastare la povertà minorile.

ICF-DIPENDENZE: DA UN’IDEA NATA DAGLI EDUCATORI PROFESSIONALI UN MODELLO DI VALUTAZIONE BASATO SULLE EVIDENZE

Di fronte all’aumento delle situazioni di cronicità negli ambiti delle dipendenze patologiche e della salute mentale era cresciuta fra alcuni educatori professionali operanti nei SerD di Dolo e Mirano (in provincia di Venezia) l’esigenza di adottare una

ULTIME NEWS REGIONALI

UNIGE Riattiva il Corso di Laurea in Educazione Professionale

Riattivazione Corso di Laurea Educazione Professionale SNT2

Convocazione Consiglio Direttivo Regione Liguria

Mercoledì 24 luglio presso gli uffici dell' Ordine TSRM PSTRP di Genova Savona Imperia Via XX Settembre, 40, 16121 Genova, è convocato il Consiglio Regionale ANEP Liguria dalle ore 16.00 alle ore 18.30

Consiglio Direttivo Regionale ANEP Sez. Emilia R. Rimini 15 Giugno 2019

Sabato 15 Giugno 2019 dalle ore 10.30 alle 12.30 presso il CEIS Centro Educativo Italo Svizzero di Rimini si terrà il prossimo incontro del CdR ANEP Sez. Emilia Romagna.